mercoledì 13 aprile 2011

Comunicato unitario del 13 aprile 2011

COMUNICATO SINDACALE

Il giorno 8 aprile 2011 si è tenuto un nuovo incontro con la direzione aziendale presso il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), per proseguire il confronto sulle prospettive industriali di ALU Italia per il 2011.

Nell’incontro si è continuato l’approfondimento sulle ricadute della nuova strategia aziendale, sia sul sito di Trieste con ricadute sui lavoratori somministrati, che su Bari con particolare riferimento alla R&D della divisione OPTICS.

L’azienda ha confermato che l’applicazione del nuovo modello organizzativo per l’attività di R&D determina una centralizzazione dei siti, con l’obiettivo dichiarato di una maggiore efficienza, e una focalizzazione degli investimenti sui prodotti che fanno parte della strategia HLN (High Leverage Networks), con una conseguente semplificazione del portafoglio prodotti di Optics.

Relativamente alla sede di Bari, che Alcatel intende dismettere, frutto di una nuova scelta che il Sindacato considera sbagliata e rigetta completamente, l’azienda ha dichiarato che le soluzioni possibili per l’uscita dal perimetro aziendale di questi lavoratori sono le seguenti:
● trasferimento a Vimercate, mantenendo l’attività;
● ricollocazione su altre attività, in altre sedi;
● cessione dell’insieme dei lavoratori ad altra società.

FIM FIOM UILM esprimono tutta la propria contrarietà e preoccupazione per le misure proposte e annunciate che rischiano di essere addirittura contraddittorie tra loro.

Nei prossimi giorni si svolgerà un incontro tra azienda, Regione Puglia e Ministero dello Sviluppo Economico per verificare quali opportunità ci siano, sia locali che di livello nazionale, per assicurare una prospettiva certa e duratura per i lavoratori di Bari.

L’azienda ha inoltre dichiarato che sono in corso di studio ulteriori razionalizzazioni dei siti di R&D Optics sull’attività di Network Management, e questo potrebbe quindi tradursi nella chiusura di altre sedi, anche nel nostro paese.

Sempre in ambito R&D Optics, l’azienda ha confermato il ruolo strategico di ALU Italia, e sono stati assunti a tempo indeterminato 20 lavoratori somministrati presenti in questo settore a Vimercate, che resta headquarter di Optics.

Inoltre è stata annunciata la firma del contratto per la nuova sede di Vimercate, che sarà nell’area adiacente alla sede attuale, ponendo fine, almeno su questo punto, a un’incertezza che durava da troppo tempo. Un ruolo determinante per l’esito positivo di questa vicenda è sicuramente stato il lavoro che la RSU e i sindacati territoriali hanno svolto nei confronti dell’amministrazione comunale e provinciale per mantenere nel territorio una presenza industriale importante.

Per l’attività Operations, il sito di Trieste è confermato nella strategia futura di ALU con Eu (Francia). Sono gli unici due siti produttivi di Optics che rimangono in Europa. La riorganizzazione in SIC e NPI del sito di Trieste determinerà, nel corso dell’anno, una riduzione importante del numero di lavoratori somministrati (da circa 350 a circa 150). A questo proposito si è richiesto che ai prossimi incontri siano presente la Regione Friuli Venezia Giulia.

Nel corso dell’incontro l’azienda ha comunicato che il valore del Premio di Risultato 2011, che verrà pagato ad aprile, è di € 793 lordo. Come definito nell’accordo sindacale del dicembre 2008, l’erogazione è uguale per tutti i dipendenti.

Per le segreterie nazionali e il Coordinamento Fim, Fiom, Uilm il quadro complessivo dell’azienda non è tranquillizzante, c’è una ristrutturazione che continua in tutti i settori dell’azienda: R&D, Operations e Region (sulla quale si è raggiunto un difficile accordo sugli ammortizzatori sociali) e che minaccia di cancellare la presenza di Alcatel‐Lucent in alcuni territori del nostro paese già fortemente in difficoltà.

Per evitare questo occorre costruire soluzioni condivise, che vedano il mantenimento dell’impegno diretto di Alcatel‐Lucent anche nei siti oggi a rischio. Per questo è indispensabile che anche le istituzioni, nazionali e locali, facciano la loro parte, individuando possibili soluzioni che mantengano l’occupazione e diano prospettive di lavoro anche per il futuro.

Il 20 aprile ci sarà un nuovo incontro in sede ministeriale per proseguire il confronto.

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI
IL COORDINAMENTO SINDACALE ALCATEL LUCENT
Roma, 13 aprile 2011

Comunicato in formato PDF

2 commenti:

  1. ..."i lavoratori somministrati"....come una medicina, come una pozione indigesta,....Come diceva Di Vittorio,sono importanti le parole.

    RispondiElimina
  2. aspettiamo il 20 aprile allora

    RispondiElimina