mercoledì 1 giugno 2011

At the speed of ideas


In questi mesi c'è chi tra di noi compie gli anni. Non quelli anagrafici, ma quelli di anzianità aziendale. Diciannove anni un paio di colleghi, venticinque addirittura qualcun'altro. In FIAT avrebbe avuto almeno un attestato ed un ringraziamento da parte dei responsabili del personale. Per poi magari ambire all'orologio d'oro ai trenta anni di fedeltà FIAT.
Qui in ALU come regalo, nemmeno un loculo in cui potere giacere nella nuova megafantasticoavveniristica sede di futura costruzione a Vimercate, nemmeno una lapide ad imperituro ricordo. A ricordo di chi ha prestato la propria opera per oltre due decenni contribuendo alla crescita dell'azienda e vivendone gli alti ed i bassi. Un gran bel calcio nel culo per essere messo fuori dall'azienda e dal mondo del lavoro "at the speed of ideas" come recita il motto aziendale.



5 commenti:

  1. Il vero obiettivo dell'azienda dal violaceo color è quello di cestinare un pezzo della sua storia.
    Chissenefrega di 30 "poveracci del Sud" ? Per loro che non hanno mai visto l'umanità di una terra dalla quale hanno sempre preso... al sud sono poveracci!!!
    La verità è che loro (i capoccioni che devono assolvere al compito di SEGARE un ramo) pensano che a Bari sono non vedenti e senza cervello (di sinistra forse?) tanto da non capire le vere intenzioni!

    E siccome i dirigenti ALTOLOCATI (quelli seri che fanno il loro lavoro NON per soldi!!) non possono sporcarsi le mani con la "monnezza" ...
    LORO preparano solo il sacchetto specifico da far portare poi a qualcun altro nell'appositi contenitori per la raccolta differenziata.

    La medaglia o l'attestato per i 20 o 25 anni ?Magari ce lo danno pure. Sarà marchiato a fuoco come i vitelli da far pascolare al brado. Ci faranno sceglire la natica sulla quale praticarla: destra o sinistra !!!
    Questa la politica.

    RispondiElimina
  2. Dalle pianificazioni aziendali emerge chiaramente che i dipendenti di Bari nel progetto futuro...della NUOVA SUPERSEDE NON saranno certo dimenticati.
    E' stato stabilito...e concordato al MISE che :

    Nei pressi dei BAGNI ARISTOCRATICI (badate non quelli della massa !! ) destinati ai dirigenti ci sarà un GROSSO CIPPO (da appaltarsi prossimamanete per forma e materiale!) dedicato ai 30 di Bari.

    La frase più gettonata e avallata...da parecchi...capoccioni:

    "Eran TRENTA giovani e forti.... ma dopo i VENTI sono morti."

    RispondiElimina
  3. Il Gruppo aziendale AVIS Alcatel-Lucent in collaborazione con l'AVIS Comunale di Milano organizza una raccolta straordinaria di sangue presso la sede di Vimercate

    venerdì 10 giugno 2011 - dalle ore 8.00 alle ore 12.30
    Questo sangue servirà alla costruzione della nuova sede di Vimercate.

    RispondiElimina
  4. due pesi due misure MISE3 giugno 2011 14:58

    Per Fincantieri già risolto...NIENTE dismisiione...LA SEDE RESTA !!! mentre per Alcatel Bari chissenefrega

    ROMANI, BENE RITIRO PIANO, AL VIA TAVOLI NEI PROSSIMI MESI - "Il governo ha preso atto e apprezzato la decisione" di Fincantieri di ritirare il piano industriale che prevedeva la chiusura di due cantieri e 2.551 esuberi. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, al termine del tavolo con azienda e sindacati, annunciando che ora verranno aperti due tavoli regionali, uno ligure e uno campano. "Nei prossimi mesi - ha aggiunto Romani - con i tavoli si potranno trovare soluzioni compatibili con livelli occupazionali adeguati".

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2011/06/03/visualizza_new.html_841484748.html

    RispondiElimina
  5. Quegli esuberi in Telecom Italia

    All'inizio fui contento, perché facevano troppi turni.

    [ZEUS News - www.zeusnews.com - 09-06-2011]


    Prima di tutto trovarono gli esuberi nella Rete e fui contento, perché facevano troppi turni.


    Poi trovarono gli esuberi al Marketing e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

    Poi trovarono gli esuberi al Commerciale e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

    Poi trovarono gli esuberi tra le donne e i giovani e io non dissi niente, perché non ero né donna, né giovane.

    Un giorno firmarono l'accordo per l'ultimo esubero: me, e non c'era rimasto nessuno a protestare...

    RispondiElimina