venerdì 28 ottobre 2011

LETTERA APERTA AI COLLEGHI ALCATEL-LUCENT


Care colleghe e cari colleghi,
o forse sarebbe il caso di dire care ex colleghe e cari ex colleghi, oggi è il nostro ultimo giorno in Alcatel-Lucent.
Le nostre strade si dividono qui: dal prossimo 1 novembre saremo in Experis, per iniziare un nuovo percorso professionale.
Saremo ancora presenti nell'X500 per un periodo di transizione, anche perché la nostra collaborazione con Alcatel-Lucent proseguirà secondo i tempi e i modi stabiliti nell'accordo di esternalizzazione.
Ringraziamo tutti quei colleghi con cui abbiamo scambiato esperienze valide sia dal lato professionale che umano. La nostra professionalità negli anni è stata costruita grazie anche al vostro contributo, e con molti di voi si è anche instaurato un rapporto che è andato oltre quello di semplici colleghi.
Ringraziamo ancor più chi, in questi ultimi mesi ci è stato vicino, condividendo le nostre preoccupazioni.
Auguriamo calorosamente a tutti voi che rimanete in Alcatel-Lucent, che le nubi che sono ancora all'orizzonte si diradino quanto prima. Non siamo solo noi in uscita che abbiamo bisogno di un "in bocca al lupo".
Ancora grazie a tutti voi e arrivederci.

I lavoratori del laboratorio R&D Optics di Bari

venerdì 21 ottobre 2011


Sarà una combinazione, ma gli ultimi incontri al MiSE si sono svolti nelle giornate in cui si venerano alcuni tra i santi più importanti della chiesa cattolica, come avrete potuto leggere nei post precedenti. E così la firma del tanto sospirato accordo è venuta nel giorno dedicato a S.Luca Evangelista. Casualità vuole che il Vangelo di S.Luca si apra con le nascite miracolose di Giovanni Battista e Gesù.
E quindi la "nascita" della nostra avventura in Experis non poteva avere collocazione più adeguata. Ed inizierà ufficialmente l' 1/11/11, altra combinazione fortuita.
La nostra travagliata fuoriuscita da Alcatel-Lucent è quindi giunta a compimento. Martedì 18 ottobre al MiSE c'erano i rappresentanti della nostra azienda e della cessionaria Experis, oltre che al sempre attivo e presente coordinamento sindacale ALU Italia e ai rappresentanti nazionali e territoriali di FIOM-CGIL, FIM-CISL e stavolta anche FILCAMS-CGIL poichè in Experis i 28 lavoratori di Bari saranno assunti secondo il CCNL del Terziario, Distribuzione e Servizi.
Iniziato l'incontro alle 11, si è giunti a porre la firma sull'accordo alle 19: non sono mancati momenti che hanno anche visto la trattativa a rischio fallimento.

giovedì 20 ottobre 2011

Comunicato sindacale unitario - 20 ottobre 2011


COMUNICATO SINDACALE

Il giorno 18 ottobre presso il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) si è svolto l'ultimo incontro di procedura ex art. 47 per l'esternalizzazione del centro di ricerca Alcatel-Lucent di Bari, che occupa attualmente 28 lavoratori nell'ambito della R&D Optics, verso la società Experis s.r.l. del gruppo Manpower.

Presenti le istituzioni, i rappresentanti delle due aziende, il Coordinamento Sindacale ALU Italia e le OO.SS. nazionali e territoriali è stato siglato un verbale di accordo che prevede il trasferimento in Experis del personale in attualmente in carico alla sede di Bari a partire dal 1 novembre 2011.

Il suddetto accordo prevede un contratto di fornitura triennale di attività Alcatel-Lucent con copertura decrescente delle attività con la seguente modalità:

1° anno: 80 – 100 %
2° anno: 40 - 60 %
3° anno: 20 - 40 %

Tale accordo è accompagnato da un ulteriore accordo di armonizzazione reso necessario dal fatto che in Experis ai lavoratori ex ALU Bari si applicherà il C.C.N.L. per gli addetti al Terziario, Distribuzione e Servizi, oltre che l'Accordo integrativo aziendale del Gruppo Manpower.

Durante il periodo di accompagnamento avrà luogo presso il MiSE un percorso di verifiche sulla attuazione del piano industriale finalizzate a monitorare l'esito positivo del piano previsto.

Fim Fiom e Uilm unitamente al Coordinamento Sindacale Alcatel-Lucent Italia, pur non condividendo le ragioni della esternalizzazione, ritengono di aver raggiunto un accordo che impegni rispettivamente sia Alcatel-Lucent ed Experis oltre alle istituzioni a salvaguardare l'occupazione soprattutto nel caso il piano industriale non sia stato realizzato nei tempi definiti.

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI
COORDINAMENTO NAZIONALE ALU
Roma, 20 ottobre 2011


mercoledì 19 ottobre 2011

Habemus Papam


Ieri, martedì 18 ottobre 2011, alle ore 19:00, è stato firmato al Ministero Dello Sviluppo Economico l'accordo per la cessione del laboratorio di R&D Optics Alcatel-Lucent di Bari alla società Experis s.r.l.
Presenti i rappresentanti delle due aziende e, oltre a FIOM e FIM nazionali e territoriali, la FILCAMS-CGIL nazionale e territoriale.
A breve ulteriori informazioni.
Oggi a Parigi, ironia della sorte, c'è l'ECID.
Noi usciamo ... avanti un altro ...

venerdì 7 ottobre 2011

O.d.G. assemblea lavoratori 4 ottobre 2011


ORDINE DEL GIORNO

Le lavoratrici ed i lavoratori Alcatel-Lucent di Bari, riuniti in assemblea il giorno 4 Ottobre 2011

condividono

la posizione del Coordinamento Sindacale Nazionale, che ritiene necessario che Alcatel-Lucent debba impegnarsi oltre il triennio proposto, con verifiche periodiche in sede istituzionale.

Le lavoratrici ed i lavoratori di Bari sono ben consci che questa cessione è una novità nella storia delle cessioni Alcatel-Lucent e che il progetto Experis risulta essere ambizioso e non privo di rischi, allineandosi alla valutazione espressa dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Non è stato ancora fornito da Experis alcun piano industriale che faccia riferimento a commesse già in atto o da acquisire, ma solo un insieme di potenziali attività: Experis ha annunciato di volere varare un proprio progetto pilota, da sviluppare nel corso del primo anno.

A fronte di ciò, le lavoratrici e i lavoratori di Bari

chiedono

ad Alcatel-Lucent di estendere il suo impegno a sostegno e garanzia dell'operazione per un periodo che vada ben oltre i tre anni proposti, e di adoperarsi alla ricerca di soluzioni, qualora con la società cessionaria non si realizzi lo sviluppo previsto.

Approvato all’unanimità.

Comunicato Sindacale Unitario - 6 ottobre 2011

COMUNICATO SINDACALE

Il giorno 3 ottobre 2011 presso il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) è proseguito il confronto relativo alla cessione del centro R&D di Bari a Experis (gruppo Manpower).
Experis ha effettuato, nei giorni scorsi, colloqui individuali con tutti i lavoratori interessati, finalizzati ad approfondire la conoscenza delle competenze.
Da questi colloqui è emersa una positiva conferma della professionalità dei lavoratori, in funzione del progetto di sviluppo della nuova società. Sarà necessario un percorso di formazione orientato al rapporto con il cliente ed alla gestione dei progetti.
Le aziende hanno illustrato un’ipotesi di massima del piano industriale, che prevede, in un periodo di tre anni, la seguente ripartizione tra attività ALU e nuove attività Experis: Primo anno 80% - 100% ALU, secondo anno 40% - 50% ALU, terzo anno 20% - 40% ALU. Il range con un minimo ed un massimo dipende dal fatto che sarà necessario gestire le attività ALU e quelle che si acquisiranno.

martedì 4 ottobre 2011

Niente di nuovo ... - MiSE 3 ottobre 2011

Ennesimo incontro al MiSE ennesima attesa vana per chi si aspettava un piano industriale degno di tale nome. Non chiediamo un piano quinquennale di staliniana memoria, ma qualcosa di tangibile e concreto per l'immediato futuro.
Le lavoratrici ed i lavoratori della sede di Bari hanno finora dato dimostrazione di professionalità continuandoa lavorare come se nulla fosse accaduto. Poche ore di sciopero, disponibilità ad incontrare l'azienda cessionaria PRIMA della conclusione della procedura del passaggio di ramo d'azienda. Il tutto anche per ottenere maggiore chiarezza. Il 29 e 30 settembre uu.ss. si è tenuto a bari l'incontro con Experis. A tutti è stato presentata la nuova realtà e tutti i lavoratori sono stati oggetto di colloqui individuali esplorativi, al fine di tastare il polso al laboratorio per capire quali competenze e metacompetenze sono già disponibili. I rappresentanti di Experis hanno valutato positivamente l'incontro e, tutto sommato, anche tra i lavoratori di Bari si è sciolto qualche ultimo dubbio: infatti qualcuno che aveva chiesto ad Alcatel-Lucent di  valutare un possibile trasferimento a Vimercate, ha poi optato per rimanere qui, nella nostra terra, tentando questa avventura. Diamo atto ai vertici di Experis di avere chiaramente illustrato ai lavoratori che si parte tutti assieme in questa nuova esperienza e che ognuno di noi dovrà rimettersi in gioco. Noi lo abbiamo capito e siamo prontissimi ad affrontare la sfida, sia dal punto di vista professionale che umano. Ma, onestamente, all'incontro al MiSE speravamo che ci fosse dato qualche dettaglio inpiù sulla nuova sfida. Tante idee, tanta voglia di fare, ma ancora nessun progetto con nome e cognome. Vero è che i colloqui si sono avuti il giovedì ed il venerdì immediatamente precedenti al lunedì dell'incontro e diamo per buono che non c'è stato il tempo di redigere un piano preciso. Ma non c'è più tempo per andare oltre. Da ALU sono state fornite delle percentuali di attività nei tre anni che l'accordo dovrebbe coprire, ma essendo la prima volta che non si tratta di una sfida su un prodotto ma su delle professionalità, è importante che alla fine del periodo di accordo, Alcatel-Lucent si debba assumere le responsabilità della operazione: così come oggi sta garantendo la bontà della operazione, dovrà garantire delle misure da attuare alla fine della stessa, qualora questa non abbia l'esito sperato.
Il prossimo lunedì 10 ci sarà un tavolo tecnico alla CGIL di Bari per l'armonizzazione amministrativa ed il prossimo 18 ottobre l'ennesimo incontro al MiSE.